Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Segui il Canale di Youtube Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguimi su Pinterest

Secondo appuntamento con il motiva-film. Preparati perché oggi ho in serbo carico pesante. Molto Pesante. Oggi ti parlo di Over The Top, aka Sylvester Stallone vince il campionato di Braccio di Ferro e diventa ricco e ricuce il rapporto con il figlio e rende il mondo un posto migliore con un solo braccio
Over the Top, la sintesi perfetta degli anni 80: colonna sonora azzeccatissima di Kenny Loggins & montaggio di scene di allenamento, elogio di sua maestà il bicipite, strade infinite che tagliano in due come pane appena sfornato gli U.S.A., i cattivi cattivi senza sfumature e senza giustificazioni e tutta l'ingenuità di te ragazzino che potevi prendere sul serio il tutto, sfidare a braccio di ferro il babbo o il nonno, vincere, e andare a letto tranquillo convinto che con forza di volontà e bontà d'animo (e bicipiti allenati) avresti potuto affrontare qualsiasi cosa. 

Perché ti può gasare tanto

Se guardi Over the Top puoi ricordarti che anche se il tuo avversario è più grande, più alto, più grosso e con più brufoli, se ci metti il tuo dannato cuore ed il tuo ardore, hai una chance che ti permette di giocartela. E se ci credi abbastanza può anche succedere che il braccio di quello più grande, più alto, più grosso e con più brufoli ceda prima del tuo. E se alla fine perdi non importa perché quello conta è che hai lottato, e se hai lottato allora non conta.

Over the Top è melenso, tragicamente melenso come solo un film degli anni 80 con insieme un bambino e Stallone poteva essere. Ma è saggio il giusto per ricordarti che non sempre accadono le cose che vorresti, il mondo non va incontro a nessuno e spesso ti dà carte pessime in mano, e quello che devi fare, l'unica cosa che puoi fare, è ricercare sempre ciò che è meglio per te.


E poi in Over the Top c'è quella tematica totalmente Stalloniana degli sbruffoni che finiscono male, che mi permette di fare una parentesi che sogno  di fare da quando ho aperto il blog: non diventare uno sbruffone per favore! Leggere gli articoli che scrivo, cercare di migliorare e di crescere, raggiungere obiettivi ed essere di successo non ti deve trasformare in alcun modo in uno sbruffone da balera! Ogni scalino che sali devi essere un po' più umile: non ti vantare, non "crederci" troppo. Sii umile, rispetta il prossimo e sii disponibile, corretto e - lo devo ripetere?- umile. 
Secondo te tra tutti questi bellimbusti chi vincerà il camion? Si aprono le scommesse.


In tutto questo naturalmente il buon Sly non dimentica che sì sì  ha fatto Rambo ed il tenente Cobretti, ma Stallone è Rocky e se lo si guarda in altri film lo si guarda sempre domandandosi dov'è finita Adriana e aspettando da un momento all'altro che Ivan Drago spunti da un angolino e Paulie dica qualcosa di stupido. Il buon Stallone lo sa e ci si mette d'impegno per darti il finale che stai aspettando dalla prima curva imboccata da quel camion: un duello all'ultimo sangue.


Sì ok è il classico finale alla Stallone e sapevi come sarebbe finito dal momento in cui hai visto la locandina. Sì ok è esagerato e non si è mai visto un incontro di braccio di ferro durare 35 minuti che neanche Holly e Benji nei momenti di gloria. Sì tutto questo ma - accidenti - quanto è positivo vedere che Davide può avere la meglio su Golia? Quanto è esaltante vedere che anche quando tutto sembra finito puoi ritrovare dentro di te l'energia e la motivazione sufficiente a spingere ancora una volta? Quante volte ti sei trovato, nelle sfide della vita, quasi al limite delle forze, a dirti che non dovevi mollare, che dovevi vincere perché le tue motivazioni erano più forti, più alte e più nobili? Ricordi quando hai pensato che tutto sommato il bene era più forte del male e tu stavi dalla parte giusta?
Più o meno sono questi i motivi per cui questa settimana ti ho parlato di Over The Top e sì, arrivati alla fine te lo posso svelare: in America esiste davvero un campionato di Braccio di Ferro. Segue prova video:

Omg

1 commenti :